Non si può non comunicare.
Un po’ di teoria della comunicazione per professionisti della salute

Come forse alcuni di voi sapranno, mi occupo di comunicazione. Ultimamente mi capita di leggere articoli che cercano di delineare la figura del “professionista della salute ideale”: dall’abbigliamento alle metacompetenze. Quindi il dibattito vi interessa. La questione è che, all’atto pratico, mi imbatto spesso in imbonitori che cercano di darvi idee di marketing (e comportamento) raccapriccianti che ricordano più certi “teorici”, buoni per una concessionaria negli anni ’80. E mi fermo qui.
.
Mi sono chiesta quanto, in realtà, il mondo della comunicazione e quello dei professionisti della salute si parlino. E credo che lo facciano poco. La scienza della comunicazione sarà una non-scienza in effetti, ma non è esattamente “scienza delle merendine”. Indaga un aspetto basilare dell’esperienza umana.

Come forse alcuni di voi sapranno, mi occupo di comunicazione. Ultimamente mi capita di leggere articoli che cercano di delineare la figura del “professionista della salute ideale”: dall’abbigliamento alle metacompetenze. Quindi il dibattito vi interessa. La questione è che, all’atto pratico, mi imbatto spesso in imbonitori che cercano di darvi idee di marketing (e comportamento) raccapriccianti che ricordano più certi “teorici”, buoni per una concessionaria negli anni ’80. E mi fermo qui.
.
Mi sono chiesta quanto, in realtà, il mondo della comunicazione e quello dei professionisti della salute si parlino. E credo che lo facciano poco. La scienza della comunicazione sarà una non-scienza in effetti, ma non è esattamente “scienza delle merendine”. Indaga un aspetto basilare dell’esperienza umana.

Come forse alcuni di voi sapranno, mi occupo di comunicazione. Ultimamente mi capita di leggere articoli che cercano di delineare la figura del “professionista della salute ideale”: dall’abbigliamento alle metacompetenze. Quindi il dibattito vi interessa. La questione è che, all’atto pratico, mi imbatto spesso in imbonitori che cercano di darvi idee di marketing (e comportamento) raccapriccianti che ricordano più certi “teorici”, buoni per una concessionaria negli anni ’80. E mi fermo qui.
.
Mi sono chiesta quanto, in realtà, il mondo della comunicazione e quello dei professionisti della salute si parlino. E credo che lo facciano poco. La scienza della comunicazione sarà una non-scienza in effetti, ma non è esattamente “scienza delle merendine”. Indaga un aspetto basilare dell’esperienza umana.

Come forse alcuni di voi sapranno, mi occupo di comunicazione. Ultimamente mi capita di leggere articoli che cercano di delineare la figura del “professionista della salute ideale”: dall’abbigliamento alle metacompetenze. Quindi il dibattito vi interessa. La questione è che, all’atto pratico, mi imbatto spesso in imbonitori che cercano di darvi idee di marketing (e comportamento) raccapriccianti che ricordano più certi “teorici”, buoni per una concessionaria negli anni ’80. E mi fermo qui.
.
Mi sono chiesta quanto, in realtà, il mondo della comunicazione e quello dei professionisti della salute si parlino. E credo che lo facciano poco. La scienza della comunicazione sarà una non-scienza in effetti, ma non è esattamente “scienza delle merendine”. Indaga un aspetto basilare dell’esperienza umana.

Come forse alcuni di voi sapranno, mi occupo di comunicazione. Ultimamente mi capita di leggere articoli che cercano di delineare la figura del “professionista della salute ideale”: dall’abbigliamento alle metacompetenze. Quindi il dibattito vi interessa. La questione è che, all’atto pratico, mi imbatto spesso in imbonitori che cercano di darvi idee di marketing (e comportamento) raccapriccianti che ricordano più certi “teorici”, buoni per una concessionaria negli anni ’80. E mi fermo qui.
.
Mi sono chiesta quanto, in realtà, il mondo della comunicazione e quello dei professionisti della salute si parlino. E credo che lo facciano poco. La scienza della comunicazione sarà una non-scienza in effetti, ma non è esattamente “scienza delle merendine”. Indaga un aspetto basilare dell’esperienza umana.